Coronavirus: perchè i negozi scelgono i pannelli in plexiglass protettivi?

Coronavirus: perchè i negozi scelgono i pannelli in plexiglass protettivi?

Paola Ronchi No Comments

L’emergenza coronavirus Covid-19 ha cambiato anche il modo di tutti gli italiani di fare acquisti, i cosidetti acquisti di prima necessità. Fino a quando tutte le attività non riapriranno, gli italiani posso solo recarsi al supermercato, in farmacia oppure in edicola e se tutti gli altri negozi hanno subito un fermo obbligatorio, le attività menzionate devono reggere e supportare parte dell’economia e soprattutto devono far fronte ai bisogno dei cittadini: si ma chi sostiene la salute di tutti? Come possiamo recarci in un negozio senza il terrore di essere contagiati e come possono i commessi, le cassiere, gli operatori proteggersi, allo stesso modo, dal rischio di contrarre il virus? Ecco perchè sempre più attività si stanno equipaggiando e munendo di barriere e parasputi in plexiglass, per proteggere sé stessi e la propria clientela. In questo periodo di pandemia dove è vietato avvicinarsi alle altre persone, dove è obbligatorio mantenere la distanza di sicurezza, come possiamo veramente fare acquisti sicuri? La risposta sta anche nei pannelli in plexiglass protettivi, i quali vengono installati per evitare la trasmissione di particelle infettate. E’ sicuramente un dovere sia civico che morale quello per i negozi e per le attività a contatto con il pubblico, fornire protezione, e proprio per questo che gli schermi protettivi in plexiglass da banco, sono facili da applicare a banconi di farmacie, supermercati, banche, uffici pubblici e tutte le attività a stretto contatto con il pubblico. I pannelli sono disponibili online a prezzi davvero molto vantaggiosi, ricordiamo infatti che il plexiglass è un materiale economico, facile da personalizzare, che si può anche ottenere in diverse misure e finiture. Pensare al presente si, ma anche al futuro, educare le nostre attività a rapporti più consapevoli con la clientela, ridurre il rischio, queste sono tutte priorità che fanno parte dell’emergenza attuale ma che si rivelano anche buone abitudini da tenere sempre presenti anche nel tempo. Per questo l’investimento delle barriere parafiato in plexi è un’ottima opportunità per supermercati, banche, farmacie, negozi, uffici, ecc e non solo nell’era della pandemia coronavirus. Possono essere posizionati sia sui banconi che sulle scrivanie di farmacie, banche, uffici, supermercati, alimentari, negozi, bar, tabaccherie e attività aperte al pubblico, come da normative Dcpm. I divisori – chiamati anche parasputi – in plexiglass trasparente (o opalino) da 5mm sono creati per permettere lo scambio di merce, documenti e denaro tra commercianti e clienti senza il rischio di contagio. Ovviamente non possono essere considerati la “cura”, vale a dire che si tratta di dispositivi di protezione ovvero, proteggono dalle goccioline trasportate da una persona ad un’altra. Chi sceglie il Made in Italy scegli oggi più che mai qualità e soprattutto certezza, in un periodo così delicato per il nostro Paese, volersi e volerci bene, non è mai stato così importante e significativo! In questo periodo di “incubo protettivo”, optare per la scelta intelligente e consapevole dei pannelli in plexiglass è anche un modo per guardare al futuro e infondere sicurezza sia alla propria attività che alla fiducia che non può venire meno dei propri clienti. read more

Come vincere la paura di lanciarsi col paracadute

Paola Ronchi No Comments

Anche i più coraggiosi ed i più temerari, dinnanzi al primo lancio con il paracadute, possono lasciarsi prendere dal panico, ecco quindi che andremo a spiegare come vincere la paura di lanciarsi col paracadute, in maniera semplice e sicuramente d’aiuto a molti.

Sfidare la paura apre sicuramente nuovi orizzonti, se rinunciamo per via della paura, nella vita, come nel paracadutismo, sicuramente, perdiamo molto, anzi moltissimo, allora dobbiamo volere e desiderare ad ogni costo, mettere alla prova noi stessi, solo in questo modo si può vincere la paura di lanciarsi col paracadute. read more

Come scrivere un libro per bambini e ragazzi

Paola Ronchi No Comments

Scrivere un libro per bambini e ragazzi è sicuramente l’ambizione di molti scrittori. Oltre alla passione dello scrittore, è anche bene fare i conti con il mercato, questo significa che i bambini, specialmente, ancora leggono e se un libro è bello, accattivante, sa aprire le porte alla loro fantasia, allora avrà sicuramente successo.

Se da un lato, il mercato è sicuramente competitivo, dall’altra però esiste ancora molta richiesta. Però, scrivere un libro per bambini e ragazzi non è affatto semplice! Ricordiamo che abbiamo a che fare con un pubblico molto esigente che spesso non ha la pazienza di andare oltre le prime due pagine se già all’inizio qualcosa non piace o non convince. Un altro motivo per cui non è affatto facile scrivere un libro per bambini e ragazzi è che la loro fantasia e le loro aspettative sono molto piu ricche ed attive della nostre. Quindi senza demoralizzarsi, è bene chiedersi se si è davvero all’altezza di questo compito. read more

Gli effetti collaterali della tv sul cervello

Paola Ronchi No Comments

Oggi sentiamo spesso parlare degli effetti collaterali di internet, soprattutto per i ragazzi che passano intere giornate a giocare online, ma non possiamo nemmeno dimenticarci degli effetti collaterali della tv sul cervello.

Non sarebbe giusto esordire dicendo che “la tv fa male”, perchè non rientra nelle “cose” che sono davvero dannose per la nostra salute, soprattutto per il nostro cervello, quando “presa a giuste dose”. Sicuramente a ledere alla persona ed al cervello è il sovradosaggio. read more

Cos’è il metodo Eptamed

Paola Ronchi No Comments

Il metodo Eptamed ideato dal dentista di Cesena titolare dello studio Dentarmoniaè un metodo naturale per l’equilibrio delle funzioni alterate della bocca che porta ad una armonizzazione delle arcate dentali. I benefici sono tangibili in tutto il corpo, in quanto migliorano tutta l’estetica, nello specifico:

  • migliora la respirazione nasale
  • armonizza la fonazione
  • migliora la deglutizione
  • riequilibra le arcate dentali
  • allenta le tensioni muscolari
  • 100% tecnologia italiana

Il metodo Eptamed si basa su tecnologie che sono state create anche per facilitare la salute dei pazienti: masticazione e deglutizione, respirazione nasale, armonia del viso, diminuzione dei dolori articolari, armonia posturale e psico-fisica. Read More read more

Ortodonzia linguale: cos’è?

Paola Ronchi No Comments

L’ortodonzia linguale permette di correggere i denti disallineati attraverso un apparecchio fisso invisibile che viene incollato sulla faccia linguale dei denti. Il lavoro di questo “correttore” risulta essere il medesimo dell’apparecchio ortodontico fisso convenzionale, ovvero, che viene incollato sulla faccia esterna dei denti.

Il controllo ed il movimento dei denti, risulta totale e completo, essendo invisibile nessuno si può accorgere della sua presenza.

Il grande merito dell’ ortodonzia invisibile linguale è quello che nessuno può accorgersi del trattamento ortodontico. Il paziente può serenamente proseguire il proprio normale stile di vita e può indossare l’apparecchio nell’assoluta discrezione. read more

I pannoloni per anziani sono detraibili?

Paola Ronchi No Comments

La spesa per l’acquisto di pannoloni per incontinenti è detraibile ed è da includersi tra le spese mediche (paragrafo 2 della circolare 17/E del 2006). I pannoloni, infatti, sono mezzi ausiliari di un organo carente o menomato nella sua funzionalità (Dm 332 del 27/8/1999 emanato dal ministero della Sanità).

Cosa occorre fare per potere usufruire dello sconto di imposta?

Ai fini dell’individuazione delle spese sanitarie, la circolare n. 25 del 6 febbraio 1997 ha chiarito che, per quanto riguarda le spese sanitarie per le quali può risultare dubbio l’inquadramento in una delle tipologie elencate nell’art. 15, comma 1, lettera c), del TUIR, occorre fare riferimento ai provvedimenti del Ministero della sanità che contengono l’elenco delle specialità farmaceutiche, delle protesi e delle prestazioni specialistiche. Il D.M. n. 332 del 27 agosto 1999, emanato dal Ministero della sanità, elenca, nell’allegato 1 (nomenclatore tariffario delle protesi), tra le prestazioni di assistenza protesica, erogabili nell’ambito del servizio sanitario nazionale, gli ausili per incontinenti, compresi i pannoloni. Ne consegue che le spese sostenute per i predetti mezzi di ausilio rientrano tra quelle per le quali spetta la detrazione ai sensi dell’art. 15, comma 1, lettera c), del TUIR. read more